21 settembre 2010

Non timas

In cue sutta v'es sa morte, ma non timas. Astringhe su rellozzu chin d'una manu, picca chin duos poddighes sa craìtta, àchela girare abbellu abbellu. Como s'aperit un'attera istajone, sos arvules isparghen sa ‘ozzaz issòro, sas barcas curren’ in su mare, su tempus comente unu ventagliu si nde mascat de isse matessi, e da issu naschit s'àghera, su venticheddu 'e sa terra, s'umbra 'e una 'emina, su viàccu vonu 'e su pane. Ite cheres de prus? Ite cheres de prus? Prèndhelu deréttu a su brusciu, lassa liberos sos tocchéddos suos, ache de tottu pro l’assimizzare. Su timinzu ghettat a sas ancoras rughinzu, incancrenit su sambene vrittu ‘e sos rubinos. E in cue sutta v'es sa morte, si non currimus e arribamus prima 'e issa, e non cumprendimus chi no at prus nisciuna importanzia.

3 commenti:

Walter ha detto...

Ho provato. Qualcosa ho capito, ma di certo non tutto.
Il suono mi piace molto: certo lo leggo come posso, ma è affascinante.
un abbraccio.
Dan

bianca ha detto...

Ma "affascinante" di che? :))
Guarda bene che c'è un link.

Walter ha detto...

Non avevo visto.
Chiedo scusa.
Comunque, anche in certe cose c'è del fascino (e mi salvo in corner o dai rigore?).
Dan