15 settembre 2010

Cambio di paesaggio

Treno Termini-Civitavecchia, finalmente, tornando a casa da un faticoso viaggio.
Nave. 
In auto con P., che è venuto a prendermi all'Isola Bianca, crollo subito dal sonno e dalla stanchezza. 
Riapro gli occhi e realizzo di essere a casa: non vedo più paesaggi colmi di rotoballe ma solo pecore che brillano al sole.

2 commenti:

Walter ha detto...

Bentornata, allora.
Dan

bianca ha detto...

Torna solo chi non è mai partito.
(Più o meno, mischiando Eliot, una legge base della detection, una briciola di esistenzialismo.)