10 aprile 2011

Portatore di sogni allegri

"Facevamo un vino colore del sangue, dolce al palato e portatore di sogni allegri. Nel settimo giorno del mese del vento che piega le querce incontravamo tutte le genti attorno alla fonte sacra e per sette giorni e sette notti mangiavamo, bevevamo, cantavamo e danzavamo in onore di Is. Cantare, suonare, danzare, coltivare, raccogliere, mungere, intagliare, fondere, uccidere, morire, cantare, suonare, danzare era la nostra vita. Eravamo felici, a parte la follia di ucciderci l'un l'altro per motivi irrilevanti."
Sergio Atzeni, Passavamo sulla terra leggeri, Ilisso, 2003.


2 commenti:

bianca ha detto...

Mostruoso. Ho citato a memoria.

Daniele Mattioli ha detto...

E se citi a memoria, brava!